Nuovo servizio Audio+Web Collaboration per il Business

Mi sono occupato di soluzioni di comunicazione e collaborazione per molti anni e se dovessimo fare una analisi di come i servizi sono evoluti negli ultimi 20 anni possiamo certo affermare una grande evoluzione, forse rivoluzione nei primi 10 anni e un consolidamento e integrazione negli ultimi 10 anni.

Un tempo l’unico modo di comunicare era basato sulla telefonia, c’era il monopolio dei Carrier, sembrava cosa brutta e cattiva, ma i servizi funzionavano bene, le aziende erano ricche e c’erano tanti posti di lavoro, anche in Italia.

Con l’arrivo del VoIP si è iniziato ad usare il PC per fare telefonate, soprattutto quelle a lunga distanza, soluzioni consumer come Skype saranno note alla maggior parte di Voi.

L’appetito vien mangiando e si è scoperto che il PC (e i dispositivi mobili come gli smartphone e Tablet in seguito) oltre a fare audio potevano fare altro: Video, Chat, Condivisione dei documenti, in una parola collaborazione a distanza.

Molte nuove aziende sono entrate in questo mercato diventando ricche, molte anche storiche e leader di mercato si sono ridimensionate e alcune non esistono più, il mondo cambia e cambia velocemente, e noi dobbiamo cercare di cavalcare e gestire l’onda del cambiamento, laddove possibile anticipare il cambiamento seguendo il nostro intuito, i nostri sogni.

Noi in EasyCloud abbiamo cercato di anticipare il cambiamento, oggi i nostri clienti hanno ancora un approccio conservativo, soprattutto nelle aziende più piccole, e sono ancora legati ai servizi di audio conferenza, ma inizia timidamente la richiesta di nuovi media, soprattutto il video e la possibilità di condividere lo schermo o un documento.

Di fatti molti usano Skype più perché è uno strumento diffuso, più o meno tutti lo conoscono ed è percepito  come gratis e sicuro, ma in molti si lamentano della qualità  e dell’assenza di servizi business.

Dovendo spendere 1 Euro sicuramente le aziende non investirebbero in Skype, gratis è bello ma se devo pagare preferisco puntare sulla qualità, avere un servizio di supporto globale e professionale, poter collaborare senza la necessità di dover installare un client, se non ho copertura Internet potermi collegare con il telefono nel modo tradizionale.

Per questo motivo noi riteniamo che l’audio conferenza da sola non basti più, ma un servizio consumer come Skype per il business non è quello più adeguato, noi avevamo in mente un servizio che partisse dall’audio conferenza e che aggiungesse la possibilità di collegarsi via web con il PC, di abbinare il video, di poter condividere il desktop o un documento, di avere le principali funzionalità di collaboration come la Chat.

Il Servizio che abbiamo individuato si basa sulla piattaforma Arkadin ( Brochure Arkadin Anywhere Premium )- un servizio che abbina all’audio conferenza le funzionalità di web-conferencing in stile skype, senza bisogno di installare client o applicazioni sul desktop (infatti funziona con un semplice browser), un servizio di assistenza con copertura globale e in tante lingue, aggiungerei cosa forse banale ma non scontata che funziona bene, in quanto poggia su una infrastruttura globale “VPN MPLS” che vuol dire maggiore sicurezza e qualità dell’audio.

Il costo? Sicuramente non può essere gratis come Skype, ma il valore che si offre è decisamente superiore e inferiore al costo che si chiede, la nostra offerta prevede due modelli di pricing:

  • FLAT – meeting illimitati
  • A Consumo – nessun canone mensile

Curioso di saperne di più? Registrati al nostro webinar che stiamo organizzando con Arkadin nel mese di Aprile, per manifestare il tuo interesse clicca qui  e scrivici , sarai contattato da un nostro consulente.

Buona collaborazione,

EasyCloud Team

 

Le 5 cose da fare per avere successo

Forse troppi anni di crisi e la crescita bassa, la voglia di mantenere il proprio status quo , la difficoltà di fare piani anche a breve periodo, i numeri difficili e le tante difficoltà possono spiegare la situazione di frenesia e di mancanza di piani chiari in troppe realtà che sento.

Troppe aziende , soprattutto le piccole e medie, sembra non abbiano piani chiari, un percorso, una visione, in sintesi un progetto.

Si combatte per cercare di stare nei costi, pagare quello di urgente per il mese successivo, e la vita imprenditoriale o manageriale diventa una TRAM TRAM tra adempimenti, burocrazia, costi che non si comprendono, legali, commercialista, consulenti, banche, accessori vari, problemi da risolvere.

UK è uscita dall’Europa, doveva fallire e la crescita si stima sarà più alta del previsto nel 2017 (2%), l’Italia grazie ai cittadini che hanno risparmiato tanto nel passato sta sopportando questa forte crisi e assenza di crescita consumando di fatti i risparmi, i propri o quelli dei genitori o dei nonni.

L’Italia resta il secondo Paese in Europa nella manifattura, e il Paese con il più grande patrimonio culturale e storico al mondo, il Paese dove si mangia e si vive bene, ma sembra che non riesce a ripartire.

I debiti passati, la mediocrità della classe politica e forse anche manageriale, dove fa carriera chi sa stare al su posto e con la testa bassa, finché non scopre di diventare un esubero o parte di una riorganizzazione, perché il mondo cambia.

Purtroppo non ho la ricetta a questi mali, ma ci sono delle cose di cui sono convinto, e con la modestia del caso condivido.

  1. Puntare sempre all’eccellenza. Che si sia ben pagati o si lavori gratis, lavorare con il massimo impegno, in quanto la reputazione che ci si costruisce e le esperienze sono il vero capitale immateriale che oggi ci può dare lavoro e ricchezza.
  2. Non alzare muri. Aprirsi al mondo e rispettare le diverse culture, cosa che non vuol dire fare assistenzialismo, ma trattare tutti con rispetto dando le stesse opportunità, diritti e doveri, indipendentemente dal colore, religione, stato sociale o cultura.
  3. Imparare ad ascoltare. Oggi tutti leggono le analisi di mercato o la pubblicità e credono di non avere nulla da imparare, i conflitti e i problemi nascono quasi sempre per limiti nella comunicazione o nell’ascolto delle persone.
  4. Credere nell’istruzione. Gli ultimi sei mesi della mia vita sono stati devastanti, i più difficili forse della mia vita e se personalmente non avessi avuto cultura e intelligenza, probabilmente non ne sarei uscito vivo. Per lavorare e ambire a crescere, in un mondo sempre più difficile e competitivo , non c’è altra possibilità che alzare il livello culturale delle persone, la cultura crea consapevolezza, capacità, problem solving, flessibilità e apertura mentale.
  5. Avere un piano ed agire. Non aspettare che qualcuno ti paghi per fare quello che vuoi fare o che si prenda il rischio. Meglio fare un piano e agire con il rischio di sbagliare piuttosto che non realizzare nulla e sopravvivere. La sopravvivenza nella mediocrità probabilmente è peggiore della morte. Troppi allenatori e arbitri e pochi giocatori di talento, insegniamo ai giovani a giocare bene la partita della vita.

 

Se hai altri punti o lezioni che hai imparato, segnalameli che li aggiungo al post.

Alessandro Greco.

 

La dimensione è importante ?

Una domanda che spesso noi maschietti ci poniamo;  puntualmente ci viene detto che la dimensione non importa, l’importante è utilizzare al meglio gli strumenti di lavoro che si hanno!

dimensione

A parte le battute uno dei limiti culturali che spesso le aziende si pongono è relativa alla dimensione dell’azienda, cosa che non gioca a favore delle startup ovviamente, ma essere grandi è un punto di forza oggi? Di seguito almeno 5 motivi per cui la dimensione non dovrebbe essere così importante.

  1. Le aziende grandi non è detto che abbiano grandi competenze, hanno i numeri e i muscoli per poter comprare le competenze ma il talento non sempre è in vendita e un imprenditore sa quanto è difficile costruire un Team.
  2. Soprattutto le PMI e le aziende di medie dimensioni non è detto che trovino nelle grandi realtà il Partner ideale, sia per motivi di cultura differente, ma anche perché ad un fornitore grande o dai tanti soldi o non ti “curerà” come una azienda più piccola, in quanto si ha un peso e rilevanza inferiore sul fatturato
  3. Oggi il mercato, nonostante la crisi, ha grande dinamicità, in 2-3 anni assistiamo a cambiamenti importanti, i cicli di trasformazione sono più brevi e veloci, serve adattarsi velocemente al cambiamento, una startup o piccola realtà è sicuramente più veloce e flessibile, in quanto è il portatore del cambiamento
  4. Non è importante la dimensione assoluta, ma la capacità di crescere e la sostenibilità della crescita. Detto in altre parole, meglio una realtà che cresce a doppia cifra, che assume e che non ha debiti, o lavorare con un colosso , pieno di debiti, che vanta assunzioni e innovazioni e al tempo stesso combatte con i sindacati per il taglio del personale? (E qui molti big si sentiranno tirati in causa)
  5. La cultura delle persone non è legata alla dimensione dell’azienda per cui lavorano

Quindi Piccolo è Bello? Assolutamente no, crescere e diventare grandi deve essere ambizione di tutti, ma meglio una azienda piccola che cresce di una grande che fa tagli e non riesce a gestire il cambiamento. La crescita deve essere un fattore intrinseco e l’obiettivo delle aziende a prescindere dalla dimensione, ma il solo dato in assoluto “grandezza” senza crescita e innovazione non è detto che dia maggiori garanzie.

Quando le aziende mi chiedono quanti dipendenti siete? Io rispondo che ogni anno raddoppiamo il fatturato, il numero dei clienti e che abbiamo a disposizione tutte le competenze che il mercato offre, in quanto lavoriamo con partner selezionati e competenti. Non credo che avere 100 o 1000 persone in ufficio possa dare maggiori garanzie o valore aggiunto ai miei clienti.

In conclusione diventare grandi e crescere è sicuramente un elemento che da la misura del successo dell’azienda, ma essere grandi in assoluto non è detto sia un fattore di differenziazione, in quanto cosa succede in passato non può dare necessariamente garanzie per il futuro, si potrebbe dire (per chi ama la matematica) che è una condizione necessaria ma non sufficiente per poter dare garanzie di soddisfazione al cliente.

Nella valutazione del Team di lavoro, dei fornitori, sarebbe opportuno valutare la storia delle persone, le competenze, le storie di successo personali o di Team. Queste sono le uniche certezze e garanzie, non il fatturato e la dimensione in valore assoluto!

Alessandro Greco, Imprenditore.

 

 

Smart Working o Lavoro Agile

Come molti di Voi sapranno quest’anno il Consiglio dei Ministri ha approvato il disegno di legge relativo allo Smart Working o Lavoro Agile, al seguente link il disegno di legge completo.

Cosa significa Smart Working o Lavoro Agile? La norma definisce il lavoro agile una «modalità flessibile di esecuzione del rapporto di lavoro subordinato allo scopo di incrementare la produttività e agevolare la conciliazione dei tempi di vita e di lavoro». Il testo ne detta anche i confini: il lavoro agile è quel lavoro che può essere svolto in parte all’interno dei locali aziendali e in parte all’esterno, seguendo però gli orari previsti dal contratto di riferimento e prevede l’assenza di una postazione fissa durante i periodi di lavoro svolti all’esterno dei locali aziendali.

Il disegno di legge stabilisce che il lavoratore abbia il diritto di ricevere un trattamento economico e normativo non inferiore a quello complessivamente applicato ai lavoratori che svolgono le stesse mansioni all’interno dell’azienda. Il datore deve garantire salute e sicurezza a chi svolge questo tipo di prestazione.

Quali i benefici per l’azienda? 

  • Fiscali – deducibilità dei corsi di formazione, master e aggiornamento professionale
  • Incremento della produttività e della efficienza aziendale – secondo il PoliMi si potrebbe arrivare a un 20%
  • Riduzione dei costi di gestione dello spazio fisico – un risparmio che andrebbe dal 20% al 30%
  • Riduzione del tasso di assenteismo – si potrebbe addirittura eliminare il fenomeno dell’assenteismo
  • Lavoro in mobilità – molte operazioni potrebbero essere fatte da remoto senza la necessità di andare in ufficio

Quali i benefici per il dipendente? 

  • Risparmio orario – Con due giorni a settimana di home working, a fine anno risparmieremmo ben 172 ore
  • Risparmio economico – Sempre con due giorni a settimana di home working, potremmo arrivare a risparmiare 1.200 Euro.
  • Soddisfazione e motivazione – L’aumento della possibilità di bilanciare vita e lavoro, nonché il superamento delle classiche strutture gerarchiche del lavoro, porterebbe a una migliore realizzazione personale.

Quali i benefici per l’ambiente e la società?

  • Diminuzione delle emissioni di CO2 – Secondo lo studio del PoliMi, sarebbero ben 371 i chilogrammi di CO2 procapite risparmiati in un anno per i consueti 2 giorni di home working a settimana. Risparmio che deriverebbe dal mancato spostamento urbano delle masse di lavoratori.
  • Riduzione del traffico urbano
  • Riduzione del costo delle case nei centri urbani e del costo della vita

Quali tecnologie e soluzioni abilitano lo smart working?

  • Accesso da remoto ad applicazioni, infrastrutture e piattaforme aziendali
  • Virtualizzazione del desktop e delle applicazioni aziendali
  • Applicazioni che abilitano il BYOD – Bring Your Own Device
  • Servizi di Collaboration: email, audio, video, chat, presence, condivisione file e documenti
  • Applicazioni di produttività (es. Office online)
  • Firma remota o grafometrica su Tablet
  • Digitalizzazione e Archiviazione dei documenti
  • Dispositivi Mobili e Mobile App aziendali

 

Cosa una azienda dovrebbe fare?

  • Oggi l’imprenditore e/o il CIO dovrebbero partire analizzando i propri processi di business, quindi rispondere alla domanda “Cosa fa l’azienda e con chi per creare valore aggiunto nella catena del valore”.
  • Identificati i macro processi di interesse focalizzarsi su ciascuno di essi e immaginare come renderli “digitali” ovvero accessibili da remoto con un PC collegato su una rete (Privata o Internet).
  • Identificare per ogni processo o sotto-processo le applicazioni di interesse, dove l’approccio CLOUD è sicuramente quello più semplice , veloce e con migliore rapporto qualità/prezzo consigliabile.
  • Scegliere le soluzioni, fornitori e servizi con l’aiuto di un consulente o persona competente, definendo la propria RoadMap ovvero il proprio percorso.
  • Testare e provare i servizi prima di acquistarli, per valutare efficacia, la user-experience e quantificare con dei KPI il Ritorno dell’investimento atteso.
  • Una volta sicuri che ci sia allineamento tra obiettivo di business, servizio IT, KPI & ROI passare alla fase contrattuale, identificando il fornitore più adeguato ai propri bisogni: SLA, Privacy/Security, Qualità/Costo, Supporto richiesto, Note contrattuali, Strategie e varie.

Posso fare tutto da solo?

Certo che si! In caso tu veda il percorso in salita o complesso puoi contattare il tuo Cloud Service Broker di fiducia, noi ti consigliamo il seguente: EasyCloud.

Trasformazione Digitale & PMI

 

A.A.A. Relatori della PMI cercasi

cercasispeaker

Nuovi trend tecnologici come il Cloud, l’IoT, il mondo Social, i Big Data e la globalizzazione che avanza pongono nuove sfide alle grandi ma soprattutto alle piccole imprese, che devono trasformarsi e cogliere le opportunità derivanti dalla Rivoluzione Digitale.

Le nuove tecnologie e l’innovazione in questi anni hanno puntato molto a risolvere solo alcuni dei problemi, sentiti per lo più dalle grandi aziende, come il consolidamento e l’ottimizzazione dei costi operativi, l’aumento della produttività e del time-to-market, ma non hanno spiegato o dato molti stimoli su come le imprese possano fare business in modo concreto, come creare maggiore valore, come crescere e vivere da protagonisti nel nuovo mondo utilizzando le nuove tecnologie.

Le piccole e le medie imprese sono il tessuto nevralgico dell’economia italiana, con una cultura vicina al manifatturiero e con modelli di business legati alla filiera e ai distretti industriali, alle relazioni personali, alla famiglia e al territorio, l’artigianato e alle competenze.

Nel nuovo contesto globale e digitale le PMI devono comprendere la trasformazione in corso, metabolizzare il vero significato dei nuovi trend tecnologici,  comprendere la nuova terminologia del mondo Internet, sfruttare i nuovi canali di comunicazione, pensare in modo diverso e concepire in modo differente la nascita dei prodotti, pensare a  nuovi modelli di business, puntare sul valore e sulla differenziazione, lasciarsi contaminare e contaminarsi a vicenda con nuove idee per far nascere nuove competenze e nuovi distretti innovativi.

Per realizzare questo percorso Easycloud.it sta collaborando con la propria associazione (Unindustria Como) e con i principali portatori di interesse del proprio territorio (ComoNExT) per la creazione di un importante convegno , appunto sul tema Trasformazione Digitale e PMI ed è alla ricerca di testimonianze o aziende PMI pronte a mettersi in discussione, curiose di capire e scoprire come potrebbero crescere nel nuovo mondo globale, o di raccontare la propria esperienza sia essa stata positiva o negativa.

L’invito è di vivere da protagonista il cambiamento, racconta la tua esperienza o il tuo sogno, magari aiuterai qualcun altro a non fare gli stessi tuoi errori; magari scoprirai e incontrerai qualcuno che ti aiuterà a riuscire dove solo non sei riuscito.

L’innovazione e la trasformazione è prima di tutto rischio e fatica, bisogna tenere in conto la possibilità di sbagliare, se si resta nella comfort zone non si cresce e non ci si trasforma, si resta esattamente dove siamo, la vera trasformazione e rivoluzione deve partire dal basso, dalle PMI, non dal Governo dalla Pubblica Amministrazione o da Bruxelles.

Contattaci subito scrivendo a eventi@easycloud.it  raccontando la tua storia di successo o di insuccesso!

EasyCloud Team

 

 

 

QuiVideo – Video Conferencing as a Service

QuiVideo è un servizio di Video Conferenza professionale che consente a ciascuno di noi di poter accedere ad una riunione utilizzando qualunque dispositivo (PC, Tablet, Smartphone, Sala Video conferenza) e da qualunque rete (wireless-wired LAN, 3/4G, Internet).

Nelle riunioni quando si usa un sistema di video conferenza professionale è importante avere una eccellente qualità del Video per poter emulare la presenza umana in una sala virtuale, i partecipanti  possono essere fisicamente in qualunque parte del mondo, ma l’esperienza deve essere la medesima che si ha quando si è tutti attorno allo stesso tavolo.

Le esigenze di collaborazione possono essere differenti (training, formazione, condivisione, lancio di un prodotto/servizio sul mercato, comunicazione del CDA, audio-conferenza tra colleghi o clienti, …)  per ogni esigenza va individuata la soluzione applicativa più adatta,  il Cloud abilitando il modello di servizio “as a service” rende possibile e sostenibile avere tutte le applicazioni di cui il nostro business necessita, al seguente link un approfondimento.

Il Servizio QuiVideo risponde all’esigenza di effettuare riunioni professionali online con video di alta qualità; E’ stato realizzato da una azienda italiana utilizzando una delle tecnologie leader di mercato.

Come si acquista il servizio?

Il servizio è commercializzato attraverso una rete di partner specializzati che aggiungono il proprio valore aggiunto; Easycloud.it è stato uno dei primi partner a promuovere il servizio QuiVideo presso i propri clienti in Italia e in Ticino.

Quali sono le caratteristiche essenziali del servizio QuiVideo?

  • Non è richiesto l’acquisto di alcun apparato di gestione o di rete da installare on-premises.
  • Il cliente può usufruire del servizio di videoconferenza anche in condizioni di banda ridotta (grazie al protocollo Vidyo che si adatta alla banda e alla dimensione dello schermo in modo dinamico).
  • Il servizio può essere integrato  con altri sistemi di videoconferenza (apparati da sala, H323, SIP, Telepresenza) e con sistemi di desktop-collaboration come Microsoft Lync, abbattendo le barriere alla collaborazione interna/esterna di una azienda.
  • Il sistema è cifrato con crittografia AES 128, offrendo riservatezza alle sessioni di videoconferenza.
  • Il servizio offre la possibilità di condividere documenti in modo semplice e intuitivo in alta definizione
  • È un servizio in Cloud: facile da utilizzare, veloce e pratico da attivare

Il servizio QuiVideo offre integrazioni con applicazioni verticali molto utili per l’uso quotidiano come per esempio: Zimbra, Outlook, … leggi di più

Perché una azienda dovrebbe acquistare un servizio di Video conferenza?

Potrei dirvi che il mercato con cui ci confrontiamo è sempre più globale e veloce e che quindi non possiamo essere presenti sempre ed ovunque se non utilizzando le tecnologie informatiche che rendono questo possibile.

L’aumento della produttività, del time-to-market, la riduzione dei costi di trasferta e di collaborazione sono i primi benefici tangibili di un servizio di video conferenza as a service, disponibile sempre e su Internet.

Il mondo in cui viviamo offre sempre nuove sfide e difficoltà con cui dobbiamo confrontarci: attacchi terroristici, blocco del traffico, calamità naturali; Strumenti di Video conferenza in Cloud sono un metodo concreto per rispondere a situazioni di emergenza, anche non troppo pericolose (es. sono ammalato ma non posso rinunciare ad un meeting importante).

Ultimo aspetto da considerare è la qualità della vita che migliora grazie a questi strumenti; evitare lunghe code, cercare parcheggio, arrivare in ritardo, sono tanti piccoli stress che incidono sulla qualità del nostro lavoro.

Per concludere, anche se a primo impatto si potrebbe pensare il contrario, questi strumenti di collaborazione aiutano ad aumentare il numero di meeting e di interazioni con colleghi, clienti e partner, in quanto essendo semplici e veloci da utilizzare consentono di accedere in pochi click in una sala virtuale da qualunque parte del mondo.

Non ancora convinti dei benefici di un servizio di video conferenza? Dateci l’opportunità di farvi cambiare idea, partecipando al nostro webinar previsto il giorno Venerdì 29 Gennaio 2016 alle ore 14.30.

 REGISTRATI SUBITO

 

 

 

 

 

 

 

To Cloud or not to Cloud?

To Cloud or not to Cloud? A lot of Companies are doing this question internally, compared to some year ago’ when the answer was “not to Cloud” we see something is changing also in the SMB and Mid-Market, not just in the Enterprise and Top Market, and it is changing quickly.

The Cloud is still one of the main trend in IT Market, it is more then a vogue, a new way the IT can be delivered as a service to everyone, everywhere using any device (infrastructures, platforms, applications, any IT service), moving Capex to Opex and improving the speed of the Business.

Compared to USA where an average of 70% of Companies already defined their Cloud Strategy in Europe Companies have some delay. In Europe the speed of Cloud adoption is not the same to each Country,  on the Podium we have  Finland, Iceland and Italy (and I m proud of it 🙂 ).

Schermata 2015-11-21 alle 15.02.08

I think in Italy we are in a competitive position also thanks to Companies like Easycloud.it, acting as Cloud Service Broker we act as a facilitator and an accelerator for the demand generation.

But what is changing in the SMB and Mid-Market and why Companies are considering to move to the Cloud? And what they are considering to move first?

Well there is not a general answer to this question, it really depends on the CIO culture , vision and passion for innovation as well on the Property culture and vision to consider the IT as a Strategy and not just a cost.

There are Companies that are considering the Cloud as a long-term strategy to achieve YoY and there are others Companies that see the Cloud just for specific applications or needs. Of course there are still Companies , but they are becoming less year of year, with a “not to cloud” mentality, but the curiosity for Cloud is growing.

For sure in Italy and in Europe the approach is always to wait someone else to start, maybe in order  to avoid mistakes, and the approach is to start testing or considering pilot projects in order to introduce granularly the Cloud.

What Cloud Services Companies have as priority? The top three services we see of interest are:

  1. Backup and Disaster Recovery in the Cloud
  2. Collaboration (Audio, Video, Email, Sync&Share apps, ..)
  3. Cloud Security

What CIOs expects as value from the Cloud? Essentially they expect the Cloud to keep the promise of a Service available always, easy to scale, simple to use and to manage, but at the same time they expect by the Cloud to win the challenge of cross-integration and the possibility for an hybrid strategy.

Let me give you an example. Imagine a Company with an on-premises video conferencing solution and a desktop collaboration solution, these two services don’t speak each other breaking the collaboration opportunity inside and outside the Company. Today by the Cloud Companies can use collaboration services that can work in a traditional room environment and at the same time  in a desktop or mobile environment, moving the concept of workspace to a new one where at the core of the strategy there are no more rooms or the devices, but the employees.

Another example can be the Cloud Security. Why Companies have to define policy for the Cloud, internal DCs or for a specific application? CIOs want the possibility to define the IT policies for the whole Company or for an application and to focalize on their core business; they expect if they move an application to one DC or to another or to the public Cloud to keep the IT Security security policy. Today it is possible thanks to Security in the Cloud!

What CIOs and Entrepreneurs today need is to define their strategy to the Cloud, in order to define the best and personalized Cloud Roadmap, and this is what we are doing for our Customers.

Companies need to be aware about the opportunity of the Cloud, to have a clear vision about what the Market is offering, and to define the best Cloud Roadmap; in order to achieve this goal Companies need of an independent actor , able to define the strategy understanding of business models and technology, Companies are asking the competences of a Cloud Service Broker.

Also the world of Vendors and System Integrators are moving to the Cloud; a lot of System Integrators are doing the mistake to sell the Cloud like an additional offer to their catalogue, and not as a strategy, for this reason I think a Cloud Service Broker could be useful also for System Integrators and Cloud Service Providers in order to define the best go-to-market strategy and to improve the execution in the Market.

Well at the question To Cloud or not to Cloud? I have already my answer, I have founded the first Cloud Service Broker in Italy and I will not be credible telling something like “Not to Cloud”.

If you are a “Not to Cloud” Company, please accept the challenge for a conversation with an Easycloud.it consultant and I’m sure you will change your opinion!

Kind Regards,

Alessandro Greco

founder &  ceo @easycloud.it